I Direttori artistici del Marsicovetere Contest Jazz

Gli artisti di fama nazionale che decideranno i vincitori del contest al termine delle tre serate.

Giovanni Benvenuti

Sassofonista, Tenore e Soprano

Giovanni Benvenuti nato a Siena il 27 Giugno 1989, sassofonista tenore e soprano, diplomato con lode e menzione speciale al conservatorio G.B.Martini di Bologna con i docenti Barend Middeloff, Massimo Morganti, Fabrizio Puglisi, Diana Torto, Roberto Rossi e Michele Corcella. Precedentemente ha studiato all’accademia Siena Jazz con docenti come Klaus Lessmann, Mirko Mariottini, Stefano Franceschini, Franco Fabbrini, Mariano di Nunzio, Stefano Franceschini, Giulio Stracciati, Alessandro Giachero, Luca Necciari, Francesco Petreni e Marcello Faneschi. Ha suonato nell’ Arbia big band diretta da Klaus Lessmann e nell’orchestra Labyrinto diretta da Roberto Nannetti, col quale ha inciso un disco uscito nel 2013 intitolato “mi arrangio,suono e canto…” con la partecipazione di Ettore Buonafè, Barbara Casini, Mirco Mariottini e Gilson Silveira e con arrangiamenti di Marcello Faneschi e Roberto Nannetti. Ha frequentato 4 edizioni dei seminari estivi di Siena Jazz con i docenti Mark Turner, Walter Smith III, Mark Guiliana, Ambrose Akinmosire, Giulio Visibelli, Pietro Tonolo, Stefano Zenni, Riccardo Zegna, Tomaso Lama, Francesco Martinelli, Michael Blake , Joel Frahm, Miguel Zenon, Maurizio Giammarco. Ha frequentato seminari con George Garzone, Francesco Petreni, Barbara Casini, il compositore Guinga, Ferenk Nemeth, Ben Allison, Gilad Hekselman, Tim Berne. E’ stato ammesso e ha frequentato,ottenendo il diploma, il master internazionale In.Ja.m. (International jazz master in tecniche dell’improvvisazione), con i docenti Pietro Tonolo, Claudio Fasoli, George Garzone, Jerry Bergonzi, Adam Nussbamm, Ben Perosky, Roberto Gatto, Ettore Fioravanti, Stefano Zenni, Francesco Marinelli, Maurizio Franco, Bruno Tommaso, Tomaso Lama, Maurizio Giammarco, Gianluigi Trovesi, Tim Berne, Palle Danielson ed altri musicisti di fama internazionale,con i quali talvolta ha diviso il palco. Ha partecipato al festival Panama jazz 2010, nell’ambito del quale si è esibito in concerto con un gruppo formato da Luigi di Nunzio, Enrico Morello, Francesco Diodati, Alessandro Lanzoni e Gabriele Evangelista, ed ha tenuto come insegnante una master class sempre nell’ambito del festival. Con questa formazione si esibisce al teatro dei Rinnovati di Siena, al Baluardo di Modena ed al Torrione jazz club di Ferrara, e successivamente rappresenta la Fondazione Siena Jazz in un meeting col conservatorio di Parigi e la Berklee Con lo stesso quintetto, con l’aggiunta di Achille Succi, si è esibito a Boston ed a New York. A Boston ha seguito lezioni di Danilo Perez, Ben Street ed altri musicisti internazionali all’interno del Berklee college. Ha suonato in concerto con John Taylor; col compositore brasiliano Guinga; con la cantante Barbara Casini; col pianista Danilo Perez. Ha composto le musiche per lo spettacolo teatrale D’acqua e di sabbia di Gloria Mugelli e Lorenzo Taccini. Collabora Roberto Spadoni, col quale si è esibito in big band al festival jazz di Comacchio nel 2011 con Marco Tamburini alla tromba. Si esibisce in numerosi Festival Jazz come quello di Terni, di Novara, il Grey cat etc. Si esibisce in numerosi club come Torrione di Ferrara, un Tubo di Siena, Cantina Bentivoglio e Spazio inDue di Bologna, Ex Wide di Pisa, Nof di Firenze etc… Col Gaga quartet ha vinto il concorso T-rumors indetto dalla regione Toscana e nell’estate 2012 il concorso le Murate. Con questa formazione si esibisce in numerose rassegne prestigiose (come il festival del libro di Torino, il Grey Cat festival, il Mei a Faenza etc.) grazie alla collaborazione con Eventi Music Pool, con ospiti come Mirko Guerrini e Giovanni Falzone. Nell’estate del 2012 con il Gaga quartet apre il concerto al quartetto di Dave Holland tenuto nell’anfiteatro romano di Fiesole. Col Gruppo Redsolution incide un disco pubblicato da Irma Records intitolato “Invisible song”con la partecipazione di Humberto Amesquita, Federico Pierantoni, Yuri Goloubev, Germano Zenga e Luca Bortoluzzi. Ai seminari di Siena Jazz 2012 vince una borsa di studio grazie alla quale parteciperà al Iasj jazz meeting 2013 in Daninamarca. Vince nell’ambito del festival di Bologna il premio Massimo Mutti, con giuria composta anche dai membri degli Opus Five. Sempre nel festival di Bologna suona sia con un gruppo di studenti selezionati dal conservatorio e diretti dagli Opus five, sia con la Big band del conservatorio diretta da Massimo Morganti. Suona col Michele Pazzini quartet a San Marino nel Teatro Titano. Collabora con la Natural Revolution Orchestra diretta da Fabio Morgera, all’interno della quale collabora con numerosi musicisti come Dario Cecchini, Claudio Giovagnoli, Stefania Scarinzi, Nico Gori etc.. E’ finalista al concorso Premio Massimo Urbani 2014. E’ finalista del concorso Chicco Bettinardi 2015 nella categoria solisti. Tramite il conservatorio di Bologna ha la possibilità di seguire un seminario con John Taylor e Diana Torto. Registra un disco di sua musica originale in coproduzione con la Emme produzioni musicali dal titolo Che fine ha fatto il signor Bowman, con i musicisti Simone Graziano, Francesco Pierotti e Andrea Grillini, pubblicato nel mese di aprile 2015. Con questa formazione suona in numerose rassegne e festival come il Torrione jazz club, il festival jazz di Tarquinia, il festival jazz di Farfa, il teatro della Cittadella a Civitavecchia etc. Partecipa ad piccolo tour di 3 concerti organizzati dall’Ismez (dentro i conservatori Santa Cecilia a Roma, G.B. Martini di Bologna e quello di Rovigo) insieme a musicisti come Salvatore Maiore e Diana Torto. Si esibisce con la Fragile Orchestra nell’ambito del festival Novementis a Modena. Si esibisce col Fuel quartet in numerosi festival come Jazz on the Corner ad Arezzo, Fano Jazz festival, Fara Jazz festival etc. Col duo Step Two incide un disco, intitolato Binari, pubblicato dalla Abeat records. Con questa formazione si qualifica terzo al concorso del Festival Nazionale dei conservatori 2016 tenutosi a Frosinone. Collabora stabilmente con Francesco Cusa nell’ambito del gruppo Francesco Cusa & the assassins, col quale hai suonato in festival come il Catania jazz festival, Metastasio jazz festival, Jazz alla Tenda, Jazzit festival etc. Con gli Assassins pubblica il disco Live a Collescipoli in allegato alla rivista Jazzit per l’etichetta Alfa Music ed un disco con arrangiamenti per archi di Duccio Bertini pubblicato per la Cleanfeed. Pubblica per El Gallo Rojo records il disco Kind of Mosch contenente composizioni di Riccardo la Foresta, formazione con la quale suona in numerose rassegne quali il Blue Noise di Reggio Emilia. Incide l’album di Elisa Mini Beyond the Line pubblicato per Nadir Music e suona in concerto con questo progetto alla Sala del Rosso di Firenze. Grazie all’associazione Ismaz onlus partecipa ad un tour (comprendente anche la Casa del Jazz di Roma) con Diana Torto e Stefano Battaglia. Si diploma al Biennio di Jazz al conservatorio G.B.Martini di Bologna col voto di 110 con lode e menzione accademica. Registra il disco della formazione Question Market per la Emme records. Ha collaborato con la cantante australiana Tamara Kuldin. Pubblica con il quartetto Question Market un disco per la Emme e con questa formazione si esibisce in numerosi festival sia in Italia che all’estero (Turchia, Città del Vaticano). Insegna alla prestigiosa accademia Siena Jazz.
Nel 2018 la rivista Jazzit lo inserisce tra i dieci migliori sassofonisti tenori italiani.

Saverio Cacopardi

Batterista

Saverio Cacopardi ha iniziato lo studio della Batteria moderna a livello amatoriale a partire dall’età di 7 anni presso l’accademia “G. Gaffurio” di Lodi.
Ha conseguito un diploma professionale in musica moderna presso la Scuola Civica “Meridiana” (San Zenone al Lambro, Milano).
Ha studiato presso Siena Jazz University con i Maestri Walter Paoli e Paolo Corsi e ha conseguito la laurea di primo livello con una votazione di 110/110 nella primavera 2018.
Fra Gennaio e Maggio 2017 ha studiato al Conservatorio di Amsterdam tramite il progetto Erasmus, con i Maestri Martjin Vink e Lukas van Mervijk.
Nell’estate 2015 ha partecipato agli European Jazz Awards (Tuscia in Jazz festival) con la band Dérive trio (con Luca Sguera al pianoforte e Pietro Paris al Contrabbasso). Nel Maggio 2017 ho partecipato alla Bucharest International Jazz Competition con la band Cocoon (con Luca Sguera, Francesca Gaza alla voce e Alessandro Mazzieri al basso elettrico).
Ha partecipato a numerosi progetti musicali rock, pop e jazz come musicista e arrangiatore, dal vivo e in studio:
Vari concerti e festival progressive rock nel nord Italia con Giorgio “Fico” Piazza (ex P.F.M)nel corso del 2014 e del 2015; Tour in Germania con la band Cocoon nelle estati del 2015 e del 2016; Tour a Londra con Cocoon nel febbraio 2016; Tour italiano e internazionale con la band Question Market (con Giovanni Benvenuti al sax, Federico Carnevali alla chitarra elettrica e Giovanni Miatto al basso elettrico) che tra l’autunno 2017 e l’estate 2018 ha toccato varie regioni italiane come Toscana, Emilia Romagna, Lombardia, Umbria, Lazio, Puglia e Basilicata ma anche città come Istanbul e Città del Vaticano.
Ha collaborato inoltre con la band post-rock band di Milano Goodbye e i Kings.
Ha partecipato come batterista alla realizzazione di vari dischi in studio: Dérive- Dérive (2014), Goodbye, Kings- Vento (2016), Question Market- Question Market (2017), Cocoon- Still, Moving (2018)..

Giovanni Miatto

Bassista

Classe 1989 inizia lo studio del basso elettrico come auto didatta. Nel 2012 si iscrive al corso triennale del “ SIENA JAZZ UNIVERSITY” , dove ha la possibilità di studiare con Dario Deidda, Daniele Camarda e molti altri docenti italiani ed internazionali. Nello stesso anno vince una borsa di studio per partecipare ai seminari estivi del Siena Jazz, dove segue delle master class con Lionel Loueke, Mark Guiliana, Gilad Hekselman ,Mark turner e molti altri.
Nel 2016 consegue la Laurea triennale al Siena Jazz University , per poi iscriversi al Biennio del conservatorio G.B . Martini di Bologna.
Da più di dieci anni collabora in veste di musicista e compositore per svariate formazioni sia in ambito jazzistico che non.
Dal 2016 porta avanti il progetto Question Market con il quale vince il concorso inedito dall’etichetta Emme Record’s “ALL HAVE TO DO IS PLAY” .In seguito registrano il loro primo album che verrà poi promosso in italia ed all’estero. In questi ultimi anni ha ha portato avanti altri progetti discografici come Japanese Garden con Federico Carnevali alla chitarra e Carmine Casciello alla batteria. CriZi progetto di musica indipendente.
Attualmente è docente di basso elettrico , armonia , composizione e musica d’insieme e porta avanti vari progetti musicali.

Federico Carnevali

Chitarrista

Federico Carnevali inizia suonare la chitarra da autodidatta per poi studiare privatamente con vari insegnanti. Si avvicina al jazz nel 2007 quando si iscrive ai corsi ordinari della scuola di musica Siena Jazz, dove si diploma nel 2009. Sempre nel 2009 partecipa al master internazionale INJAM, organizzato dal Siena Jazz, attraverso il quale ha la possibilità di studiare con artisti di calibro internazionale e di perfezionare lo studio sullo strumento con Kurt Rosenwinkel, Roberto Cecchetto, Marc Ducret, Pietro Condorelli. Nel 2012 segue i seminari musicali di Nuoro Jazz dove vince una borsa di studio per la partecipazione al seminario dell’anno successivo. Nello stesso anno si iscrive al corso triennale accademico “Siena Jazz University” dove ha la possibilità di studiare chitarra con Roberto Cecchetto e di partecipare a varie masterclass organizzate dall’università, tra cui quella con Enrico Rava. Sempre nel 2013 entra a far parte della ‘Siena Jazz University Big Band’ con la quale apre i concerti dei Seminari Estivi di Musica Jazz nell’estate del 2014 e in quella del 2015. Nella stessa estate suona durante i Seminari Estivi insieme ad una selezione di studenti dell’università. Con lo stesso organico nell’ottobre del 2015 suona all’Opus Jazz Club di Budapest. Nel 2014 forma il trio Fring (con Giulio Angori al contrabbasso e Giovanni Paolo Liguori alla batteria) con il quale registra il disco omonimo nel gennaio del 2015, pubblicato dall’etichetta Dry Castle Records. Nel 2016 ottiene il Diploma Accademico di Primo Livello in Chitarra Jazz con la votazione di 110 e Lode presso il “Siena Jazz University”. Alla fine dello stesso anno forma il progetto Question Market insieme al sassofonista Giovanni Benvenuti, il bassista Giovanni Miatto ed il batterista Saverio Cacopardi. Grazie alla vincita del concorso indetto dall’etichetta Emme Records ‘All Have To Do Is Play’, nel giugno del 2016registra il disco di esordio del quartetto intitolato ‘Question Market’, ed inizia un percorso promozionale del lavoro discografico che porterà i quattro musicisti a suonare in giro per tutta Italia ed anche all’estero. Nel 2017 registra il primo disco a suo nome per l’etichetta discografica Wow Records intitolato ‘Travel Notes’, accompagnato da Francesco Pierotti al contrabbassoe e Andrea Beninati alla batteria. Attualmente insegna chitarra presso varie strutture scolastiche e porta avanti diversi progetti tra cui il trio Japanese Garden (con Giovanni Miatto al basso elettrico e Carmine Casciello alla batteria), il trio Tikadeè (con Pietro Paris al contrabbasso e Carmine Casciello alla batteria), e, già citati sopra, il Federico Carnevali Trio ed il quartetto Question Market.